PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA DI APPLICAZIONE DELL’ESERCITO

SCHEDA INFO

 

IL CICLO FORMATIVO DEGLI UFFICIALI DELL’ESERCITO.

L’iter formativo degli U. frequentatori del Ruolo Normale
delle Varie Armi (Fanteria, Cavalleria, Artiglieria, Genio, Trasmissioni,
Trasporti e Materiali) e del Corpo di Commissariato prevede lo studio di
materie accademiche (universitarie e militari) e attività vocazionali (attività
addestrative di carattere professionale tra le quali rientra anche
l’addestramento ginnico-sportivo).

I primi due anni di corso si svolgono nella sede di MODENA
(in collaborazione tra Accademia Militare e Università degli Studi di Modena e
Reggio Emilia – UNIMORE) ed i restanti tre anni presso la sede di TORINO (in
collaborazione tra il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito
e l’Università degli Studi di Torino – UNITO).

A TORINO gli Ufficiali dell’Esercito conseguono, dal punto
di vista universitario, la
Laurea Triennale
Interateneo in Scienze Strategiche, al
termine del 3° anno di studi, e la Laurea Specialistica
in Scienze Strategiche e Militari, al termine del 5° anno. Tale percorso
formativo presso la Scuola
di Applicazione scandisce anche la prima parte della progressione di carriera,
con la promozione a Sottotenente e, al termine del 4° anno, al grado di
Tenente.

 

UN’OFFERTA FORMATIVA AMPIA. Gli obiettivi didattici che il corso si prefigge di
conseguire al termine del quinquennio, oltre a quello di fornire una
preparazione culturale molto ampia e diversificata che costituisca una solida
base per tutti i futuri incarichi che gli Ufficiali saranno chiamati a svolgere
nell’intero arco della propria vita professionale, sono, da un punto di vista
prettamente militare, il conseguimento della capacità di operare quale
Comandante di Plotone e di Vice Comandante di Compagnia.

Al fine di soddisfare le esigenze formative delle singole
Armi/Corpi dell’Esercito sono stati studiati, in collaborazione con UNITO, 5
percorsi universitari diversificati:

·                    
Politico Organizzativo
per la Fanteria,
Cavalleria e Artiglieria;

·                    
Sistemi
Infrastrutturali per il Genio;

·                    
Comunicazioni per le
Trasmissioni;

·                    
Logistico per il
TRAMAT;

·                    
Economico-amministrativo
per il Corpo di Commissariato.

 

Le competenze didattiche necessarie a soddisfare tale
varietà di ambiti scientifico-disciplinari trovano consistente risposta
nell’ambito del panorama universitario torinese, con il coinvolgimento diretto
di ben 8 dipartimenti di UNITO, operanti in sinergia con i qualificati e
selezionati docenti dei dipartimenti militari del Comando per la Formazione e Scuola di
Applicazione dell’Esercito

Per poter gestire in modo efficace i Corsi di Laurea in
Scienze Strategiche la collaborazione con UNITO ha portato alla creazione di
una struttura didattica speciale denominata Struttura Interdipartimentale in
Scienze Strategiche (SUISS), unica nel panorama universitario italiano ed
europeo. Nell’ambito degli organi collegiali della Struttura siedono
rappresentanti e docenti del Comando per la Formazione e Scuola di
Applicazione dell’Esercito.

 

UN’OFFERTA FORMATIVA ALL’AVANGUARDIA.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito
può vantare un’offerta formativa al passo con i più aggiornati percorsi
similari in ambito universitario e militare, grazie all’avvio, in stretta
collaborazione con l’ateneo torinese, dei seguenti progetti:

·                    
Internazionalizzazione: realizzato attraverso il Programma ERASMUS (scambio di
studenti e docenti), il Programma MILITARY ERASMUS (attività formative di breve
durata erogate in lingua inglese con la presenza di U. stranieri dei Paesi UE)
e l’effettuazione di tirocini all’estero e l’utilizzo della lingua inglese
negli insegnamenti delle materie (moduli di materie militari universitarie,
seminari, conferenze e moduli di Istruzioni teorico-pratiche);

·                    
e-learning, quale fondamentale supporto alla didattica, con l’impiego
della piattaforma open source MOODLE, sviluppata in stretta collaborazione con
UNITO. Tale utilizzo ha previsto quali pre-requisiti la connessione alla rete
universitaria metropolitana (banda larga) e la creazione di una rete Wi-Fi
dedicata presso il  Palazzo Arsenale ed il Comprensorio “Città di Torino”
(sedi didattiche del corso di laurea).

 

APERTURA AGLI STUDENTI CIVILI.

I Corsi di laurea in Scienze Strategiche sono aperti anche
agli studenti civili, ulteriore specificità a livello nazionale. In particolare
va sottolineato l’aumento crescente dell’interesse verso tale settore che ha
visto negli ultimi anni incrementare, in netta controtendenza nazionale, sia il
numero degli iscritti al test di ammissione (il corso di laurea triennale è a
numero chiuso, con posti riservati a 40 studenti provenienti dai Paesi della
UE, 2 dai Paesi Extra UE e 2 dalla CINA) sia quello degli iscritti al biennio
di laurea specialistica (con incremento degli studenti provenienti da altri
atenei e che intendono conseguire una seconda laurea). Il corso di laurea per
gli studenti civili, inizialmente incentrato sul percorso
politico-organizzativo, ha visto, su input degli stessi studenti, uno sviluppo
verso altri ambiti, quali il percorso logistico e quello economico-amministrativo.
Tale sviluppo è stato effettuato mutuando i percorsi, a suo tempo studiati, per
le specifiche esigenze della Forza Armata. Di fatto gli studenti civili seguono
le lezioni dei primi 2 anni di corso a TORINO e si integrano al 3° anno con gli
studenti militari provenienti da MODENA, inserendosi così  nel ciclo delle
lezioni universitarie previste a fattor comune.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione ha da subito
aperto agli studenti civili anche i propri insegnamenti di tipo militare
(materie militari a valenza universitaria), che essi possono inserire nel
proprio curriculum, e predisposto, di recente, alcune attività formative
specifiche tra le quali:

·                    
Seminario sulla
configurazione delle F.A.;

·                    
Seminario sulla Grande
Guerra;

·                    
Common Security and Defence Policy (CSDP) del programma Military Erasmus;

·                    
Law of Armed Conflict (LOAC) del
programma Military Erasmus;

·                    
Stabilization and Reconstruction Orientation Course (free tuition
per 5 studenti civili)

·                    
la possibilità di
svolgere presso il Comando il tirocinio pratico previsto dagli ordinamenti
universitari (triennale e specialistica).

 

BENEMERITO DELLA SCUOLA.

Il riconoscimento, nel corrente anno, verrà assegnato al
Prof. Gian Mario BRAVO, uno dei primi ad aver creduto nel progetto di creare uno
specifico percorso di laurea per gli Ufficiali dell’Esercito Italiano ed aver
contribuito fattivamente alla sua realizzazione.   

 

 

Nell’ambito del programma ERASMUS dell’UE
sono stati firmati alcuni bilateral agreement
.

Con l’Accademia di SAINT-CYR (FRANCIA), a partire dal 2014-15, in base al quale 2
Ufficiali italiani del 1° anno di specialistica frequentano un semestre in
lingua inglese in Francia e fino a 5 U. francesi vengono in Italia per la
preparazione della tesi in  Relazioni Internazionali (Master Degree). Il
BA è in corso di integrazione per lo scambio di 2 docenti nell’ambito
disciplinare International Relations. Con un ulteriore BA la collaborazione tra
docenti sarà estesa al settore della Matematica (con possibilità di scambio di
2 docenti per anno). Nel corrente A.A. 2 U. francesi hanno effettuato un
periodo in Italia per la preparazione della tesi seguiti da un docente della
SUISS. Il prossimo AA saranno 4 gli Ufficiali Francesi che prepareranno la tesi
su argomenti con particolare riguardo all’Italia.

Con l’Università Militare di SIBIU (ROMANIA) il Bilateral
Agreement prevede la mobilità di staff e docenti a partire dal prossimo AA.

Il programma sarà ampliato nel corso del prossimo AA in quanto
sono iniziate le attività preliminari per la stipula degli accordi bilaterali
con altre università/istituti europei.

L’adesione all’iniziativa MILITARY ERASMUS,
attiva dal 2008 sotto l’egida dell’European External Action Service (EEAS) per
il tramite dell’European Security and Defence College (ESDC) di Bruxelles (di
fatto un network college che si avvale degli istituti preposti alla formazione
del  personale militare e civile della Difesa dei Paesi Membri dell’UE),
si concretizza nell’organizzare ogni anno n. 2  corsi  (attività formativa
di tipo accademico e/o vocazionale erogata in lingua inglese, con una fase
residenziale di una settimana e preceduta eventualmente da una fase
e-learning), aperti al personale straniero dei Paesi membri dell’UE. Ai corsi
organizzati dalla Scuola partecipano circa 40 studenti: U. nazionali (anche di
altra Forza Armata), U. stranieri dei Paesi UE e studenti civili dei Corsi di
Laurea in Scienze Strategiche.

  Nell’ambito dello stesso
programma vengono inviati i frequentatori alle paritetiche iniziative proposte
dai Paesi membri.

Ad oggi ai corsi organizzati a Torino (sul tema del Common
Security and Defence Policy (CSDP) e del Law Of Armed Conflict (LOAC)) hanno
preso parte con esito positivo:

·        
68 U.
italiani;

·        
37
studenti civili dei Corsi di Laurea in Scienze Strategiche;

·        
42 U.
stranieri di Paesi Membri dell’UE (Austria, Cipro, Estonia, Germania, Grecia,
Irlanda e Polonia).

Dal 2008 ad oggi  34 U. sono stati inviati all’estero
(Austria, Cipro, Francia, Grecia e Spagna).

Il superamento del test finale predisposto per le attività sopra
menzionate attribuisce allo studente, sia militare sia civile, l’acquisizione
di crediti universitari (European Credit System Transfer – ECTS), e, pertanto,
utili per il conseguimento della Laurea.

Il programma è in corso di ulteriore
sviluppo attraverso l’ampliamento del numero dei moduli offerti sia nazionali
sia degli omologhi istituti europei e
Nell’ambito dell’iter universitario degli
Ufficiali è prevista l’effettuazione di un tirocinio pratico della durata di un
mese circa presso un reparto operativo. Dal 2013 alcuni U. effettuano tale
tirocinio presso i reparti dell’esercito francese ed altrettanti U. francesi
svolgono un analogo servizio presso i reparti operativi italiani (3 U. nel
2013, 5 U. nel 2014 e 6 U. nel 2015).

Anche questo progetto è in corso di sviluppo e
vedrà nei prossimi anni l’allargamento dei Paesi partner .

la possibilità di
realizzare un semestre internazionale europeo sui temi della difesa e della
sicurezza in lingua inglese.

Lascia un commento