ARA MALIKIAN Violinista

ARA MALIKIAN  Violinista

a cura di Maria Grazia Spadaro

 

 

Artista eclettico, con una profonda dose di ironia, diverte i suoi spettatori

strimpellando il suo strumento cordofono.

In grado di uccidere la noia, abbraccia in un’unica sintesi, note di rock, folk, gipsy, flamenco, incastrandole dentro ad un involucro classicistico, sormontato da sonorità barocche.

La sua tessitura musicale variopinta, si deve soprattutto alle origini armene-libanesi, ma avendo studiato anche in Germania, la sua formazione artistica, si fonde attraverso mondi culturali diversi, avvicinandosi anche ai costumi arabi ed ebrei.

La fuga dal territorio Libanese permeato di guerre, ha costruito nella mente e nel cuore dell’artista, la bramosia di ottenere pace fra popoli, amando culture diverse, anelando una forma integrativa, senza barriere rivolte alle razze diversficate.

Il suo stile raffinato, ma allegro, sembra costruito su un girotondo di folletti giocosi ed effervescenti che, coinvolgendo l’ispirazione ingegnosa dell’artista, trascinano  il pubblico dentro ad una visione ottimistica della realtà.

Ara Malikian è un grande, poichè abbraccia un vasto repertorio, contemplando infiniti generi musicali, non escludendo la musica Kletzemer, la quale emana ora toni malinconici, ora accendendo un’atmosfera di giocondità, divora le desolazioni  che caratterizzano l’umanità.

Molto apprezzato dunque a livello internazionale, è una forza della natura, impetuoso e brillante;

viene accolto degnamente nella città di Torino, esibendosi contemporaneamente tramite suoni e passi di danza, all’interno del Teatro Colosseo, qualche giorno prima dei festeggiamenti natalizi.

E non è certo la prima volta, che predilige il nostro territorio!!

Allora noi tutti auspichiamo  applaudirlo ancora, magari accogliendolo nelle sue orditure di trasformazione, attraverso le sue esperienze musicali nel mondo, con uno spirito maggiormente cosmopolita, onorandolo Signore delle Mescolanze.

Un grazie all’Artista e alla sua Band formidabile.

 

Dicembre 2018

Lascia un commento