GIORNATA DEL DECORATO 2019

 

 

 

 

                    GIORNATA DEL DECORATO 

2019

 

In ricordo dei decorati della Grande Guerra, tra il 5 e il 6 aprile si sono susseguiti Studi e Convegni, a cominciare dagli interventi formativi degli ufficiali, appartenenti alla Scuola di Applicazione dell’Esercito di Torino: “La crisi armistiziale del 1943 e il Valore Militare”.

L’insolenza nazifascita non si può cancellare con un colpo di spugna, e certamente sofferenze e sacrifici di molti, non possono restare accantonati, ecco perché si rievoca il ricordo alla memoria, di un episodio mondiale catastrofico, basato su numeri esorbitanti: 20.000 deportati, 12.000 arrestati, 271 fucilati, 132 caduti, 611 feriti, impiccagioni da inorridire, una moltitudine di martiri.

Così, l’Istituto del Nastro Azzurro, col suo Alto Rappresentante Nazionale, Gen. B. (ris.)

Carlo Maria Magnani, in concomitanza con le Associazioni d’Arma, inglobate in AssoArma, ognuno di loro, ha onorato la propria presenza rappresentativa attraverso i Labari.

Molteplici esponenti dell’Arma di Alto Grado, come il Gen. Cuoci, Comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, il Col. Francesco Laurenti, Comandante della Scuola Allievi Carabinieri di Torino, il Gen. Epifanio Pastorello, Presidente dell’Associazione Nazionale Artiglieri d’Italia, ( AN.Art.I), il Suo Vice, Gen. Luciano Sorrentino, ancora, il Gonfalone della Città di Torino, e  la rappresentanza istituzionale  della Sindaca, è stata impersonata dalla Consigliera Comunale Viviana Ferrero.

Presenti durante la Commemorazione Ufficiale, all’interno della Chiesa Gran Madre di Dio, i Corpi di Aeronautica, Taurinense, Esercito, Guardia di Finanza, i quali hanno assistito alla Celebrazione Commemorativa dei Sacerdoti, Padri Cappellani Militari.

Don Diego ha descritto il confronto fra l’idea e l’deologia, entrambe concetti mentali che si distinguono, l’una per la sua essenza progettuale incline all’ispirazione, l’altra, come produzione intellettuale speciale, connessa ad aspetti strutturali che condizionano in modo dominante l’essere umano.

L’ideologia, dunque, come complessità di opinioni, relativa alle facolta’ del pensiero;

cioè alla  sensibilità, alla memoria, al  giudizio e alla volontà.

Tali facoltà, combinandosi fra loro, creano le finalità, idee che si perseguono bramosamente, e che esistono in ragione di essere.

In ogni caso, sia l’idea concreta che l’idea preconcetta, risultano concetti mentali eccelsi, in grado di offrire degli stimoli: Il senso della libertà, il senso della Patria, l’Amor proprio, il Diritto alla sopravvivenza.

In poche parole, edificano il Valore nella vitalità.

Anche l’uniforme è degna di rispetto, ha la sua rilevanza, e merita la valorizzazione assoluta, poiché chi la indossa, rappresenta la forza e il valore tangibile nella società.

La Cerimonia si è conclusa con la deposizione della Corona di Alloro nel Sacrario Sotterraneo della Chiesa Gran Madre di Dio.

 

 

Maria Grazia Spadaro

7 aprile 2019

Un pensiero riguardo “GIORNATA DEL DECORATO 2019

  1. Non poteva essere rappresentata e commentata meglio una commemorazione cosi importante come quella della Giornata del Decorato. Quindi un “bravissimo” a chi ha realizzato il servizio fotografico e a chi ha scritto l’articolo sull’argomento in oggetto ovveroslla persona di MARIA GRAZIA SPADARO.

Lascia un commento